» Calendario

Calendario serate

» Discografia

Discografia Gigio Valentino

» Galleria fotografica

Photogallery Gigio Valentino

» Video

Video Gigio Valentino
Ti trovi qui: Home Generi musicali Il Liscio

Il Liscio

Ballo liscio
Ballo liscio
Il «ballo liscio» nasce verso la fine del XIX secolo per merito del violinista Carlo Brighi (detto Zaclén), già primo violino del con Arturo Toscanini. È una fusione di danze mitteleuropee (valzer, polka, Mazurka ecc.), unite poi a ritmi e strumenti di derivazione jazzistica, con la presenza di un cantante solista.

Negli anni dieci fondò la prima balera, il "Capannone Brighi" (poi "Salone Brighi") a Bellaria (15 km da Rimini).

Fin dai suoi esordi, quindi, il ballo liscio fu cosa diversa dai balli popolari: i ballerini non erano separati ma formavano una coppia, non si ballava nelle aie, ma in luoghi pubblici a pagamento. Anche l'abbigliamento era diverso: quando si andava a ballare il liscio ci si vestiva in lungo.

Dal punto di vista musicale, il liscio si distinse dalla musica tradizionale per il ruolo predominante del clarinetto come strumento solista, che prese il posto del violino. Anche la voce solista fu un'innovazione. Ai primi del Novecento, quando non c'era ancora il microfono, il suono della voce fu amplificato dal megafono.

Nel 1928 Secondo Casadei fonda la sua orchestra, che diverrà la prima nel suo genere, originando un numero incredibile di imitazioni. Casadei, autore di più di 1.000 brani (valzer, polche, mazurche, fra cui la celebre Romagna mia), portò avanti per oltre 40 anni con successo la sua orchestra, facendo ballare almeno 3 generazioni. È lui sicuramente il principale portavoce del fenomeno "liscio", tanto da venir chiamato "Lo Strauss della Romagna". Nel 1960 chiamò vicino a sé il nipote Raoul Casadei, che prese il suo posto alla sua scomparsa, nel 1971, portando a una ancora maggiore diffusione del genere.

Nell'area bolognese si afferma, a partire dalla metà degli anni '50, il liscio alla Filuzzi, di cui Leonildo Marcheselli è considerato il padre, con caratteristiche peculiari sia per la sonorità (utilizzo dell'organino) che per la scenografia di danza (caratteristiche le piroette). Grande esecutore della Filuzzi è Ruggero Passarini, discepolo di Leonildo Marcheselli. Sempre negli anni cinquanta la presenza femminile fece un salto di qualità: apparvero le prime cantanti soliste.

Negli anni settanta si contavano in Romagna più di 400 orchestre da ballo. Tra le orchestre primeggiava sempre Casadei, che reggeva anche il confronto con la musica da discoteca. In questo periodo aprì (a pochi km da Ravenna) la «Ca' del Liscio», una delle prime discoteche multisala con tutti i generi musicali allora predominanti: disco, boogie e liscio. I Casadei erano ospiti fissi nella sala del liscio. L'idea ebbe un grande successo e fu variamente imitata. Oltre ai Casadei, un'altra formazione di grande successo discografico fu l'Orchestra Castellina-Pasi, che arrivò a conquistare tre «dischi d'oro» e superò il traguardo del milione di copie vendute.

Il liscio si espande e si "aggiorna", trasformandosi da ballo tradizionale danzato sulle aie romagnole (con altre danze staccate più antiche come il saltarello, la manfrina, il trescone) a ballo di coppia da sala o da balera diffuso in tutto il nord Italia, colonna sonora egemone nelle feste da ballo e nelle sagre di paese fino all'arrivo dei balli latinoamericani. In alcuni casi si reinserisce in repertori di danze tradizionali preesistenti, che in qualche modo si adeguano all'arrivo delle novità; nel repertorio dei balli staccati si modifica in liscio montanaro inglobando stile e figure locali, nel repertorio delle danze delle quattro province adeguando lo stile e modificando il passo della polca, trasformandola in polca a saltini.

A partire dagli anni ottanta il liscio conosce una fase di recessione: si arresta il ricambio generazionale (i giovani vanno nelle discoteche) e si afferma la musica preregistrata. Dopo il Duemila si assite invece alla nascita di molteplici formazioni che hanno come scopo il recupero filologico del liscio «prima maniera». Alcuni nomi: «Piccola Orchestra Zaclèn», «La Galopa», i «Quinzàn», «La Carampana» e «L'Uva Grisa».

Wallpapers / Sfondi

wallpapers Fondi per desktop del computer Wallpapers Gigio Valentino Scarica ora!

Mp3 dell'Orchestra

Mp3 Files Audio Musica di Gigio Valentino Ascolta ora!

Seguici su Facebook

FacebookSegui l'orchestra su Facebook Diventa amico di Gigio Valentino Tutte le novità su Facebook

Iscriviti al sito!

iscriviti Iscriviti al sito Newsletter Accesso a tutte le sezioni!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo